Perché il Califfato è una minaccia per i musulmani

Massimo Introvigne, La nuova Bussola Quotidiana Califfato

L’aggressione delle milizie dell’Isis (Stato Islamico dell’Iraq e della Grande Siria), guidate dal sedicente califfo Abu Bakr al-Baghdadi contro la minoranza turcomanna di religione sciita, la terza a essere esposta a un rischio di genocidio, dopo i cristiani e gli yezidi, rappresenta sia una svolta nel conflitto in Iraq, sia un’occasione per comprendere meglio l’ideologia dell’Isis ed evitare errori di prospettiva. Una svolta, perché per la prima volta il Califfato sunnita massacra altri musulmani, sciiti, e massacra una popolazione di origine e lingua turca, provocando inevitabili reazioni sia in Turchia sia in Germania, il Paese europeo che ospita la maggiore comunità turca e il cui governo ha immediatamente reagito iniziando a inviare armi alle milizie curde che combattono l’Isis.

I turcomanni iracheni sono oltre mezzo milione, e di questi duecentomila sono sciiti. Mantengono importanti legami tribali, religiosi e culturali con la Turchia, che non può restare indifferente quando sono massacrati dalle sanguinarie bande del Califfo. Insieme, l’attacco ai turcomanni è occasione per capire bene la strategia e l’ideologia dell’Isis, su cui spesso in Occidente circolano imprecisioni. È possibile sapere esattamente che cosa vuole il sedicente Califfo perché da luglio pubblica una rivista in numerose lingue tra cui l’inglese, Dabiq, una pubblicazione raffinata e riccamente illustrata che fa seguito al precedente più semplice bollettino Islamic State Report. Il suo sito appare e scompare da Internet, ma i numeri della rivista restano archiviati e facilmente scaricabili altrove, posto che nulla può essere veramente eliminato dalla Rete. Dabiq, disponibile in cinque lingue, è una rivista di propaganda: ma si tratta di propaganda per musulmani. La sua cronaca trionfalistica delle vittorie dell’Isis può certamente essere messa in dubbio. Ma rimane un documento prezioso per capire l’ideologia di al-Baghdadi.

Il mercato ideologico dell’ultra-fondamentalismo islamico è molto affollato. Per affermarsi su questo mercato l’Isis deve distinguersi nettamente da altri gruppi ed attaccarli come eretici. I nemici dell’Isis sono sostanzialmente due: la galassia che fa capo ai Fratelli Musulmani, la casa madre del fondamentalismo islamico, e al-Qa’ida. Leggendo Dabiq si scopre l’importanza per l’Isis di un vero e proprio evento di fondazione: la morte nel 2006 in Iraq del terrorista internazionale giordano Abu Musa al-Zarqawi. Zarqawi, che aveva sempre mantenuto buoni rapporti con il regime di Saddam Hussein, dopo la caduta di questo e l’invasione americana era stato nominato da Osama bin Laden “emiro” di al-Qa’ida in Iraq. In seguito, tuttavia, tra bin Laden e Zarqawi emersero crescenti dissensi. Zarqawi aveva metodi da tagliagole, culminati nella decapitazione dell’ostaggio americano Nicholas Berg, eccessivi e propagandisticamente controproducenti perfino per al-Qa’ida. Ma soprattutto Zarqawi teorizzava il massacro di tutti i non sunniti: cristiani, seguaci di altre religioni e anche “eretici” sciiti. Le sue milizie distruggevano in Iraq interi villaggi sciiti, uccidendo tutti gli abitanti. 

All’epoca, al-Qa’ida non aveva fra le sue priorità l’attacco ai cristiani (dopo, le cose sono cambiate), e soprattutto nella complessa strategia geopolitica di bin Laden un’occasionale retorica contro gli sciiti coesisteva con rapporti, mai interrotti e necessari, con l’Iran sciita. Lo si dice di rado apertamente, ma in Medio Oriente molti sono tuttora convinti che le indicazioni per trovare e uccidere Zarqawi nel 2006 siano state fatte arrivare agli americani dallo stesso vertice di al-Qa’ida. Per l’Isis, in questa controversia, Zarqawi è stato l’eroe e bin Laden il cattivo. Per l’Isis, infatti, la creazione di zone integralmente sunnite, risultato di una “pulizia etnica” che elimini cristiani, seguaci di altre religioni come gli yezidi e anche musulmani sciiti, è essenziale all’idea stessa del Califfato. Inoltre «Dabiq» spiega che la restaurazione del Califfato è l’aspetto essenziale della lotta islamica nel XXI secolo. Tutto il resto è secondario, e al-Qa’ida ha dedicato troppo energie agli attentati terroristici in Occidente. 

Oggi, secondo Dabiq, al-Qa’ida sbaglia a consigliare agli ultra-fondamentalisti che vivono in Europa e negli Stati Uniti di costituire cellule là dove si trovano e preparare attentati. All contrario, è un dovere religioso emigrare nelle zone della Siria e dell’Iraq e arruolarsi nelle truppe del Califfato. Quest’ultimo, insiste al-Baghdadi, dev’essere unico e la strategia attuale di al-Qa’ida di costituire “emirati” su territori non contigui fra loro in Siria, Somalia, Nigeria, Pakistan è sbagliata. Non già che l’Isis non voglia uno scontro con l’Occidente. Al contrario, questo è militarmente e anche teologicamente essenziale alla vittoria finale del Califfato. Lo mostra la stessa scelta del titolo della rivista, Dabiq, che è il nome di una cittadina in Siria dove, secondo un ben noto “hadith”, cioè un detto attribuito a Muhammad, avverrà nei tempi ultimi lo scontro finale fra i musulmani e i cristiani, quello che aprirà all’islam la via verso Roma. Questa ideologa apocalittica spiega perché l’Isis non solo non tema, ma auspichi un intervento contro il suo territorio di americani ed europei e anche della Russia, per cui in Siria moltiplica le provocazioni anti-russe. «

Dabiq ci spiega che fa tutto parte del piano di Allah per i tempi ultimi: i “cristiani”(europei, americani, russi) devono essere attirati a combattere nella terra dell’islam, e lì sconfitti, dopo che un’invasione “cristiana” avrà mostrato al mondo islamico che al-Baghdadi è il vero Califfo e fatto accorrere musulmani di tutto il mondo ad arruolarsi sotto le sue bandiere. Leggendo Dabiqemerge anche – ed è confermato da tante altre fonti – come lo scontro fra Isis e al-Qa’ida non sia puramente teorico. Al-Qa’ida ha una sua organizzazione che combatte contro il regime di Assad in Siria, Jabhat al-Nusra, e fra l’Isis e Jabhat al-Nusra è in corso uno scontro non solo politico, ma militare, con centinaia di morti. Va anche capito perché i Fratelli Musulmani (compresa la direzione di Hamas in Palestina e i leader dei Fratelli attualmente in carcere in Egitto) nella retorica dell’Isis non siano alleati ma nemici. Sono considerati anche peggiori di al-Qa’ida, perché non solo mantengono rapporti con gli sciiti (nel caso di Hamas, sia con il regime di Assad, che è un alauita, cioè un fedele di uno scisma sciita, sia con l’Iran), ma non rifuggono, almeno in Palestina, dalla collaborazione con cristiani, purché di sentimenti anti-israeliani, cui promettono in un futuro Stato islamico, e già ora concedono a Gaza, una situazione non proprio uguale a quella dei musulmani, ma certo diversa dal regime di terrore in cui al-Baghdadi fa vivere le minoranze nel suo territorio. 

Il massimo dell’esecrazione è riservato all’islam politico turco del presidente Erdogan, che ha promesso all’Unione Europea piena libertà e uguaglianza per le minoranze religiose, cristiani compresi (che poi questa non sempre si realizzi in pratica, per l’Isis è secondario): il che spiega la furia di queste settimane di al-Baghdadi contro i turcomanni dell’Iraq, accusati di essere una «longa manus» della Turchia. L’ideologia del Califfato di al-Baghdadi va dunque studiata e capita bene. La Santa Sede ha fattualmente ragione quando afferma che i musulmani non sono tutti uguali, anche se, come abbiamo messo più volte in luce su queste pagine, vi sono problemi irrisolti quanto al rapporto fra fede e ragione e fede e violenza che attraversano tutto l’islam. 

Neppure i fondamentalisti islamici sono tutti uguali, e neppure gli ultra-fondamentalisti violenti. Tra Fratelli Musulmani, al-Qa’ida, Isis ci sono differenze reali, che portano a scontri non solo ideologici e politici, ma militari. Non si limitano a discutere di teologia, si ammazzano tra loro. Il Califfato è un pericolo non solo per i non musulmani, ma anche per i musulmani non sunniti e per gli Stati islamici vicini, che al-Baghdadi considera tutti illegittimi ed eretici. Se si vuole fermare l’Isis, e proteggere le minoranze che minaccia di sterminare, a partire dai cristiani, si deve tenere conto della sua ideologia. E magari lavorare sulle contraddizioni che sempre più radicalizzano lo scontro fra l’Isis e altre componenti dell’islam politico.

7 SETTEMBRE: GIORNATA DI PREGHIERA PER LA PACE IN SIRIA

campanili-e-moschee-a-Damasco-300x300Di fronte ai tragici fatti che segnano la sorte della Siria e dei nostri fratelli nella fede, invitiamo tutti i credenti a una giornata di preghiera che rinnovi il grido al Signore perché in quella terra, come in tantissimi altri posti nel mondo, ritorni la pace e la possibile convivenza tra gli uomini di ogni fede. Siamo certi che la presenza cristiana in queste terre benedette sia una sorgente di pace e benessere.

Vi ringraziamo se vorrete invitare Parroci, cristiani e uomini di buona volontà ad unirsi alla preghiera corale del 7 settembre prossimo, in continuità con il gesto dell’anno scorso del Santo Padre. (a tal proposito, qui potrete leggere la lettera di S.E. Mons. Giuseppe Nazzaro ofm, Vicario Apostolico emerito di Aleppo.

Qui il rilancio su AGENSIR  e su la Stampa 

A questo link potete scaricare il materiale utile per le celebrazioni  (fonte Ora Pro Siria)

Come partecipare alla Giornata di Preghiera per la pace in Siria?

Le modalità sono molteplici. Innanzitutto accogliere l’invito alla preghiera da parte del Papa, e farlo conoscere a tutti i nostri amici….

Nelle celebrazioni parrocchiali, si può aggiungere nella preghiera dei fedeli un’intenzione speciale per la Siria, o nel momento della ‘omelia’ far parlare un testimone.

Organizzare momenti di preghiera e di ascolto nei gruppi giovanili, conferenze nei centri culturali, per sensibilizzarli al tema della pace.

Favorire marce pacifiche davanti ai luoghi simbolo per testimoniare il desiderio sincero della pace.

Recitare durante il giorno per la Siria la preghiera per la pace.

Per i credenti delle altre religioni, secondo gli usi possono favorire momenti di ascolto e preghiera per la Siria. Scrivere e-mail ai potenti della terra, affinché cessino le ostilità contro il popolo siriano. Nelle scuole chiedere ai bambini di esprimere tramite temi e disegni il dramma siriano.

(fonte Cultura Cattolica)

Lo Stato Islamico spiegato a mio figlio

stato-islamico-califfato-obiettivi-jihadChe cosa sta succedendo in Iraq?
MD: In Iraq è in atto un genocidio, da parte delle milizie sunnite dello Stato islamico, ai danni delle minoranze religiose e di chiunque non si riconosca nella loro versione di Islam. La causa immediata di questo genocidio è la guerra in Siria che è cominciata nel 2011 per rovesciare Asad. Nelle file dell’opposizione siriana infatti hanno prevalso i gruppi più fondamentalisti, appoggiati anche da molti combattenti stranieri. Ma la guerra è potuta transitare dalla Siria all’Iraq con grande facilità perché questo Paese non si è mai veramente stabilizzato dopo il rovesciamento di Saddam Hussein da parte degli americani. Più in profondità, esiste nella regione una secolare rivalità tra sunniti e sciiti, due tipi diversi di Islam, che in Iraq sono numericamente quasi alla pari. E qui entrano in gioco anche gli interessi dei Paesi vicini, in particolare dell’Iran sciita e dei sunniti wahhabiti dell’Arabia Saudita, che cercano di sfruttare questa rivalità per fini politici. L’ideologia wahhabita-saudita, dal XVIII secolo in avanti, è un grave fattore di destabilizzazione, perché insegna un Islam duro e puro che si proclama come l’unico autentico.
 
All’inizio si definiva sui media Isil (Stato Islamico dell’Iraq e del Levante), poi Isis (Stato Islamico dell’Iraq e Siria), ora IS cioè Stato Islamico: cos’è questo califfato?
MB: Il califfato è un’istituzione classica dell’Islam. Letteralmente il termine califfo (khalîfa) indica colui che succede a Maometto nella guida della comunità islamica per “salvaguardare la religione e gestire gli affari terreni”. Dopo i primi califfi, definiti i “ben guidati”, il califfato ha assunto – prima con la dinastia omayyade (661-750), e soprattutto con quella abbaside (750- 1258) – i caratteri di un impero multietnico e multi-religioso a vocazione universale. In epoca moderna, dopo l’abolizione del califfato ottomano nel 1924, califfato è diventato sinonimo di “Stato islamico”. L’organizzazione dello Stato islamico incarna nel modo più radicale il mito della costruzione di un’entità politica fondata su un’interpretazione rigorista della Legge islamica, un’entità che probabilmente non è mai esistita nei termini in cui è proposta oggi.
 
Che rapporto c’è tra IS e al-Qaida di Bin Laden? Quali sono le principali differenze?
MB: Lo Stato Islamico non è mai stato un affiliato di Al-Qaida anche se al momento della sua costituzione in Iraq (2006) al-Qaida ne ha sostenuto le attività. È stata la guerra in Siria a spezzare la loro alleanza, tanto che oggi sono due soggetti concorrenti. Lo Stato Islamico punta all’istituzione immediata di un’entità politica in cui si applichi la sharî’a e vengano eliminate tutte le forme di Islam che divergano dalla sua visione rigorista. I sostenitori di Al-Qaida pensano invece a un’istituzione più graduale del califfato. Inoltre, mentre Al-Qaida ha agito e agisce soprattutto a livello globale con operazioni terroristiche spettacolari anche in Occidente (tra tutte la distruzione delle torri gemelle) e la creazione di molti fronti locali, lo Stato Islamico punta invece a concentrare gli sforzi sull’istituzione di uno Stato dotato di una propria capacità di espansione.
 
Come si presenta IS?
MB: Lo Stato Islamico copre un territorio a cavallo tra Siria e Iraq che conta circa 4 milioni di abitanti, è sicuramente dotato di molti mezzi tecnologici ed economici, impossibili senza ingenti finanziamenti esterni. Lo dimostrano le sue capacità propagandistiche e mediatiche e le sue dotazioni militari, al momento superiori sia a quelle delle forze governative irachene che a quelle dei combattenti curdi (peshmerga). Per fare solo un esempio, ha appena conquistato una base militare siriana grazia anche all’uso di droni. L’ambizione dello Stato islamico è sicuramente la creazione di un’entità statuale territoriale stabile in grado di pesare politicamente sulla scena mediorientale e di agire sull’immaginario dei militanti jihadisti di tutto il mondo.
 
Chi lo ha accolto con favore e chi invece lo contesta?
MB: Lo Stato Islamico è sostenuto da una giovane generazione di jihadisti di varia provenienza. Tra i suoi detrattori vi sono invece gli ideologi jihadisti della vecchia generazione, che fanno riferimento ad Al-Qaida, gli ideologi musulmani riconducibili all’esperienza dei Fratelli Musulmani (al momento molto più concentrati sulla questione palestinese) e i musulmani che non si riconoscono in un’interpretazione radicale e violenta dell’Islam. Ma, nonostante le tante opposizioni che lo Stato islamico incontra nello stesso mondo islamico (non mancano infatti singole prese di distanza), soprattutto le autorità religiose musulmane non riescono a pronunciarsi in modo unitario.
 
Si richiama all’Islam, ma i suoi detrattori dicono che fa un uso strumentale dell’Islam, che non sono veri musulmani gli jihadisti che si uniscono alla lotta del Califfo. Sono o non sono musulmani?
MD: È un fatto che questi militanti si dichiarano musulmani, così si vede già nell’aggettivo “islamico” usato per definire il loro Stato. Molti altri musulmani ritengono che il loro comportamento sia un tradimento dell’autentica fede islamica. Ma le autorità religiose non possono limitarsi a dire “quelli non sono veri musulmani”: è troppo poco. Devono dissociarsi chiaramente da questi comportamenti, contrastarli e soprattutto mostrare dove e perché i miliziani di IS sbagliano. Molti in Europa si lamentano della difficoltà a orientarsi tra i vari interlocutori islamici. Un modo molto semplice per farlo è vedere che cosa dicono o non dicono sulla vicenda irachena.
 
Dalle notizie di cronaca si deduce che IS è fondato sull’uso sistematico della violenza in nome del vero Islam. Ma numerosi imam e fedeli musulmani in Occidente parlano dell’Islam come pace. Chi ha ragione?
MD: L’Islam non chiama alla violenza indiscriminata, ma non insegna neppure la non-violenza. È una predicazione militante, in cui il credente è chiamato a un impegno personale per attuare la volontà di Dio sulla terra, con il rischio però di sostituirsi a Lui. Sorgono infatti due questioni: la prima è se la volontà di Dio si lascia conoscere con certezza fino ai dettagli dell’organizzazione politica di uno Stato. La seconda è sul metodo: che fare con chi si oppone a questo progetto? Tutta la questione del jihad si può ricondurre all’ampiezza dell’autorizzazione all’uso della violenza: è ammessa solo per la legittima difesa o anche per attacchi offensivi? È incoraggiante che molti fedeli musulmani in Occidente parlino dell’Islam come di una religione pacifica, ma occorre riconoscere che la questione non è risolta a livello delle fonti. Basta andare su un sito jihadista per rendersene conto.
 
Molti jihadisti giungono dall’estero: come si spiega questo richiamo esercitato da IS?
MB: Da molti anni ormai il jihadismo esercita un macabro fascino globale. Il combattente jihadista gode in certi ambienti di un grande prestigio, sia quando cade come “martire”, sia nella versione del reduce del jihad, che per alcuni rappresenta una forma di iniziazione all’Islam più autentico. In questo momento il prestigio di IS supera quello di altri movimenti jihadisti e sembra aver scalzato anche quello di Al-Qaida, che dopo la morte di Bin Laden si è ristrutturata su molti fronti locali ma ha perso molta incisività dal punto di vista mediatico. Naturalmente il jihad recluta più facilmente tra persone che vivono situazioni di disorientamento o disagio, non solo economico, ma anche identitario o psicologico. Tuttavia è difficile ridurre la militanza jihadista a pure categorie sociologiche. Resta la zona d’ombra del richiamo che può esercitare la violenza in sé anche sui più insospettabili, in questo caso assumendo la forma della guerra santa.
 
La violenza all’opera nel conflitto siro-iracheno si manifesta in forme nuove?
MD: Sì, c’è all’opera un elemento nuovo: l’assassinio esibito sui media, pensiamo al video della decapitazione del giornalista americano James Foley. La violenza è un virus molto contagioso: all’inizio si traveste di obiettivi politici (“creare uno Stato islamico”), ma più cresce, più sfugge al controllo di chi la pratica e diventa un fine in sé stesso (“uccidere per il gusto di uccidere”). L’esibizione mediatica accelera questo contagio con il pericolo di un’escalation ulteriore della violenza.
 
C’è chi ritiene che si tratti di un conflitto religioso e di civiltà e chi invece è convinto che la religione non abbia nulla a che vedere con questi fatti, dovuti invece a questioni geostrategiche, economiche e sociali. Dove sta la ragione?
MD: Certamente ci sono molti motivi politici ed economici che spiegano la guerra attuale in Iraq e Siria. Ma questo non deve portare a sottovalutare l’elemento religioso. Molti dicono che le guerre hanno sempre ragioni economiche, travestite da motivazioni religiose o ideologiche. Non è vero. Le motivazioni religiose sono una forza primaria, tanto quanto i fattori economici o strategici. Inoltre insistere solo sulle cause politico-sociali può portare a sottovalutare o cancellare la responsabilità morale del singolo.
 
IS sta perseguitando violentemente i cristiani e le altre comunità religiose: come intervenire per frenare questa violenza?
MB: Naturalmente più IS avanza più sarà difficile fermarlo. Da un lato è necessaria un’azione politica immediata che contempli anche l’uso della forza. Più il fronte internazionale a protezione delle vittime di IS sarà ampio e multilaterale, più avrà possibilità di successo non solo dal punto di vista militare ma anche della legittimità giuridica. Lo Stato Islamico segna il punto più alto della minaccia jihadista, che dispone ora di una base territoriale e di una dimensione politica effettiva. Ma allo stesso tempo potrebbe rappresentarne la crisi, perché molti musulmani ora lo contestano e ne subiscono direttamente la violenza. Sconfiggerlo sarebbe un segno di speranza per gli stessi musulmani, ma l’impresa ha una dimensione culturale ed educativa ben più importante di quella strategica e militare.
 
Che lezione sta impartendo la vicenda IS all’Europa e all’Occidente in generale?
MD: La vicenda dello Stato islamico insegna per l’ennesima volta agli occidentali, ma anche ad alcune potenze mediorientali, che non è possibile usare i fondamentalisti islamici per ottenere risultati politici. Gli americani ci hanno provato in Afghanistan e Libia e sono stati a un passo dal rifarlo un anno fa in Siria. Ma i fondamentalisti religiosi obbediscono a logiche proprie: l’alleanza con loro è sempre a tempo e alla lunga controproducente.
 
Si parla di centinaia di migliaia di profughi mediorientali che cercano di scappare dai loro Paesi ed entrare in quelli europei: come gestire questo problema? È realistico pensare che possano un giorno tornare a casa o hanno un futuro solo all’estero?
MB: Se si guarda alla storia dell’emigrazione dal Medio Oriente, è difficile pensare a un ritorno dei profughi nei territori d’origine. Perché ciò avvenga probabilmente non basterà ristabilire delle condizioni minime di sicurezza, impresa già di per sé difficile, ma occorrerà un ripensamento radicale delle istituzioni politiche ed economiche su cui si sono retti molti Paesi del Medio Oriente.
 
I vescovi e patriarchi orientali chiedono da tempo aiuto e interventi ai Paesi occidentali. Come stanno rispondendo? Perché la titubanza o la lentezza?
MB: Il cristiano, diceva il teologo Balthasar, si distingue anche perché è “inerme”. I cristiani sono una componente sociale e culturale fondamentale del Medio Oriente, ma non dispongono di un peso politico autonomo e sono rimasti schiacciati dalla complessa, e spietata, situazione politica della regione. Inoltre l’Europa è incastrata in una crisi che non è solo economica e sembra renderla incapace di agire. Gli Stati Uniti di Obama non brillano per le scelte di politica estera, anche se una certa titubanza è comprensibile dopo gli anni dell’ “esportiamo la democrazia”.
 
Stanno definitivamente sparendo i cristiani dal Medio Oriente? O si può ancora arrestare questo processo?
MD: Siamo all’ “ultima chiamata” per tutta la cristianità irachena. I cristiani sono un fattore di pluralismo in Medio Oriente. Se scompaiono, il Medio Oriente sarà più povero. E la maggiore omogeneità non ridurrà il conflitto perché, cacciati i non-musulmani e i musulmani “eretici” o tiepidi, ci sarà sempre qualcuno “più fondamentalista di me”. È una rincorsa senza fine, che rischia di annegare l’intera regione nel sangue. Papa Francesco nei suoi interventi pubblici continua a richiamare l’attenzione su questa ferita. Già adesso chiunque può lascia il Medio Oriente perché in molte regioni sta diventando impossibile vivere, anche per i musulmani.
 
I fatti del Medio Oriente stanno influenzando anche il modo nostro di considerare i musulmani che vivono tra noi. Come porsi per conoscerli nel modo più corretto? Trattare con un marocchino, un tunisino, un bengalese, un egiziano è la stessa cosa?
MB: I musulmani che vivono tra noi si distinguono per tanti ragioni, come l’etnia o l’origine nazionale: per esempio l’Islam vissuto in Marocco è diverso da quello asiatico o da quello mediorientale. Ma molti musulmani hanno ormai perso il legame con l’Islam del Paese o della cultura di provenienza dando vita a un “Islam globale”, secondo l’espressione dello studioso francese Olivier Roy. È difficile perciò offrire ricette per affrontare il fenomeno islamico in generale. Da un lato è sempre più necessario crescere in una conoscenza approfondita dell’Islam e delle sue molteplici forme, che fanno ormai parte, volenti o nolenti, delle nostre società; dall’altro vale per i musulmani ciò che vale per ogni uomo: la conoscenza non può prescindere dall’incontro con un’esistenza concreta.
 
I musulmani che vivono nelle democrazie occidentali chiedono un maggior riconoscimento della loro presenza e dei loro bisogni, come ad esempio quello di luoghi di culto adeguati (moschea, ecc.). La risposta a questa presenza va da quella più aperta (“viva il multiculturalismo, siamo diversi, ma in fondo uguali”) a quella più chiusa (“sono i musulmani che si devono adeguare, integrare e assumere i nostri costumi”). Quale la via per costruire una città accogliente ma rispettosa di tutte le sue componenti?
MB: Occorre lasciarsi provocare dalle loro richieste, che mettono in discussione modalità di gestione della sfera pubblica ormai inadeguate e quindi costringono a mettersi tutti in gioco per rigenerare la nostra vita sociale. Ma per garantire la convivenza pacifica e costruttiva tra persone diverse è necessario che tutti riconoscano che vivere insieme è di per sé un bene.